Utilizzo dei sistemi DVSwitch e DVLink sul Master BM2222

Il Team BM2222 sta procedendo con un continuo monitoraggio sull’utilizzo dei dispositivi connessi al master server BM2222. 

Alcuni OM non configurano correttamente i propri dispositivi, generando una continua richiesta di connessione al master.

Il controllo e la soluzione del problema è semplice; sarà sufficiente controllare quale dispositivo utilizzi l’ID che trovate descritto nella seguente dashboard e aggiornare i vostri dati di accesso come riportato.
Ad esempio:

Localizzato il dispositivo che utilizza l’ID 222448388 si effettuerà un controllo e si aggiornerà il dato (in questo caso) della Hotspot Security Password che viene utilizzato per connettere il dispositivo alla rete DMR di BM, compatibilmente con quanto inserito nel proprio pannello Selfcare.
NOTA: Una volta salvato i dati e riavviato il servizio del dispositivo (es. pi-star), dopo alcuni minuti la segnalazione d’errore nella dashboard scomparirà, se le informazioni saranno state inserite correttamente.

Coloro che usano applicazioni quali DVSwitch o DVLink non proprie per un uso locale, avranno sicuramente contattato un collega OM amministratore di un server DVLink (che è un server simile al DVSwitch, ma permette la registrazione multi utente), per ottenere un accesso al suo sistema. 
A questo collega saranno state date le proprie credenziali personali di accesso a BM e concordato con lui  l’ID DMR a 9 cifre (7 + i 2 numeri del SSID) da utilizzare per la connessione.

Spesso il problema risiede proprio qui!  Se voi avete cambiato successivamente la vostra Hotspot Security Password di BM dall’area Selfcare del portale e non avete comunicato la variazione al collega che amministra il server DVLink, dal suo server verrà continuamente inviata una richiesta di connessione con le vostre credenziali errate!! 

Come controllare se il proprio Nominativo compare tra le segnalazioni d’errore nel master BM 2222?

Utilizzando il seguente link della dashboard, che identifica le connessioni fallite delle connessioni al server, dovute principalmente alla errata configurazione del dispositivo dell’utente (con password errata e/o mancante), potrete controllare la presenza del vostro nominativo:

Dashboard di controllo delle connessioni

Gestione della connessione

Ogni OM che desidera connettersi ad un sistema DVS Server non proprio (ovvero non da lui gestito, in multi-utenza) deve limitarsi alla scelta di un unico sistema.
Le registrazioni multiple su più DVS Server devono essere evitate! Sono inutili e possono generare dei problemi. Nel caso si desideri avere un sistema di backup (da tenere attivo anche in un server personale, quindi in propria gestione e ad uso esclusivo), è permesso l’utilizzo ma con tutti i controlli di corretto funzionamento del caso.

Desideriamo inserire alcune ulteriori considerazioni. Dal lato del manutentore di un DVLink Server, prima di aggiungere le credenziali di un collega OM, questi si deve assicurare che lo stesso non sia già presente su altri sistemi DVS Server che poi si rivolgono al master BM2222 pena il possibile blocco dell’indirizzo IP dal quale provengono le richieste di connessione (il DVLink Server).

Alcuni consigli:

    • quello di azzerare eventuali precedenti accessi dell’OM e iniziare una nuova configurazione se richiesta;
    • di creare anche un gruppo Telegram ad hoc, nel quale inserire i colleghi che usano il proprio sistema DVS Server, ed adoperare lo stesso gruppo per monitorare e gestire le connessioni dal proprio IP (anche quando l’utilizzatore finale non usa più l’applicazione e lascia l’accesso pendente con connessioni fallite verso il master).
    • chi amministra un proprio server ne è responsabile, sia verso gli utenti che verso il sistema a cui si è connesso.

L’OM utilizzatore finale (se proprio non può o non riesce ad installare un proprio sistema DVSwitch server) deve ricordarsi che deve rivolgersi ad un unico referente, lo stesso al quale chiedere direttamente in caso di problemi con la sua connessione. Questo metodo serve anche per evitare di inviare in giro le proprie credenziali di accesso a BM a più persone, (credenziali che, ricordiamo, devono essere conservate in maniera riservata), ma anche per evitare il rischio di blocco dell’accesso del proprio sistema (DVSwitch / DVLink) o dell’ ID DMR; questo perché qualche sysop non ha cancellato bene le credenziali dell’OM che aveva inserito su un sistema che lo ospitava in precedenza.

Il Team BM2222

Monitoraggio dei TG di BrandMeister

Il Team BM2222 sta procedendo con un continuo monitoraggio sull’effettivo utilizzo dei vari TG assegnati nel tempo.
Questo per dare agli utilizzatori del sistema un preciso riscontro sulla presenza di QSO e attività, e non un mero segnaposto dove si arriva a chiamare senza purtroppo avere delle risposte. Il riferimento per i Talkgroup in uso rimane la pagina WIKI di BM.

Per tale motivo al momento sono sospese nuove assegnazioni / etichettature di TG, ma verranno eseguiti solo eventuali riconoscimenti / spostamenti ai TG effettivamente trafficati da molto tempo in maniera costante.
L’obiettivo desiderato da raggiungere è una modalità aggregativa ed organizzata, chiara e funzionale.

Ricordiamo che per qualsiasi attività di sperimentazione e di QSO circoscritto, è possibile utilizzare quale TG l’ID DMR del proprio ponte ripetitore (6 cifre) o il proprio ID DMR a 7 cifre., come abbiamo già descritto in questo articolo del 31 ottobre 2023.

Chiediamo di  non creare bridge o connessioni verso sistemi server / reflector se non dopo aver ricevuto conferma dal Team di BM2222 via mail (bm2222@dmrbrescia.it), e a non utilizzare in maniera casuale dei TG per non creare ulteriore dispersione e mancanza di organizzazione.

I Talkgroup 222xx (5 cifre) non assegnati / etichettati non sono al momento fruibili; verranno gestiti (resi operativi e richiamabili) man mano che saranno destinati ad uno specifico flusso, etichettato ed inserito nel database e nella pagina della wiki italiana di BM.

Per quanto riguarda l’uso di applicazioni software con connessioni verso il server Master 2222 di BM (quindi che non avvengono in RF ma tramite sistemi informatici) vi invitiamo ad usare ognuno il proprio sistema e ambiente (Computer/Server) anziché soluzioni condivise. La motivazione è sia tecnica che di responsabilità perché se presente qualsiasi tipo di disturbo verrà gestita l’attività di intervento e risoluzione sull’ IP generante il problema (e/o l’ID DMR associato). È una normale prassi che viene utilizzata per qualsiasi dispositivo connesso al server Master, come potrebbe essere anche un hotspot o un reflector.

 

Domande e risposte sui TG

Desiderando migliorare la comprensione dell’utilizzo della rete DMR BrandMeister per tutti i radioamatori che desiderano approfondire l’argomento, in questo testo composto da “domande e risposte” abbiamo inserito alcune delle vostre domande più frequenti che ci sono pervenute.
Abbiamo desiderato renderle pubbliche, e poter fare in modo che le nostre risposte possano essere d’aiuto a tutta la comunità radioamatoriale.

Utilizzando i ripetitori connessi alla rete BM, quale Time Slot devo utilizzare per essere sicuro di farlo nel modo corretto?

La risposta a questa domanda la trovi descritta nella pagina wiki di BM Italia, dove troverai tutte le informazioni.
Vi raccomandiamo di seguire le seguenti importanti note operative generali (che qui vi traduciamo brevemente, per vostra comodità):

  • Prima di iniziare i QSO su qualsiasi TalkGroup (nazionale, internazionale, regionale, ecc.), controlla sempre innanzitutto la configurazione dei TalkGroup statici presenti sul ripetitore che intendi utilizzare (tramite dal Dashboard di BM);
  • Se il tuo TG è già configurato come statico (colore azzurro) su uno dei due Time Slot del ripetitore, utilizza quel Time Slot SENZA iniziare ad impegnare l’altro;
  • Se il tuo TG non è configurato come statico su nessuno dei Time Slot, chiediti dove il tuo QSO avrà il minor impatto sul traffico esistente e in base a questa considerazione scegli lo slot migliore;
  • Se vedi che uno dei due Time Slot è completamente libero da TalkGroup statici, scegli quello, perché significa che evidentemente il Sysop desidera ospitarti su quello Slot, dedicato in ogni momento al traffico libero su qualsiasi Talk Group.

Vorrei l’assegnazione di un mio TG DMR (TalkGroup); che cosa devo fare?

I TG non sono di proprietà personale, tutti ne possono usufruire e non possono essere “riservati”. Il TG è una convenzione, un modo di utilizzo per facilitare l’uso del sistema DMR e delle relative interconnessioni, se presenti. Quindi, non è possibile ottenere un “tuo TG” personale.

Ma se desidero accordarmi con i miei amici radioamatori su dove ritrovarci sulla rete DMR di BM, per poi parlare di argomenti specifici?

Se quanto trovi già disponibile non ti è sufficiente, ed è un peccato perché dobbiamo favorire l’aggregazione e fare traffico affinché si possa coinvolgere nuovi amici e favorire la diffusione delle informazioni; è preferibile utilizzare i TG esistenti “etichettati”, piuttosto di attivarne altri “temporanei”, per breve tempo.
Comunque, a titolo di sperimentazione personale e di gruppo, e possibile attivare un TG “temporaneo”  seguendo le indicazioni fornite dal Team WW di BM.
Ci sono diverse possibilità; puoi far inserire nei codeplug dei tuoi amici e corrispondenti (come chiamata di gruppo) uno dei seguenti ID DMR ed usarlo come TG:

I TG “ID personali / ripetitore” non devono essere pensati o creati come dei TG disgregativi, anche se BM è una rete libera e permette di poterlo fare.
Questi TG hanno lo scopo principale di incentivare la piccola sperimentazione e la coesione delle persone / del gruppo degli sperimentatori, con lo scopo di alleggerire il traffico dai principali TG attivi su molti ripetitori, e anche per parlar di argomentazioni meno tecniche e più generalizzate.
BM incentiva di più l’uso e la presenza nei TG “etichettati” elencati nel wiki, ovvero nei TG aggregativi già esistenti, dove sia facile ritrovarsi per fare QSO.

Allora è possibile che dall’uso del mio ID DMR come TG “temporaneo”, successivamente  sia possibile arrivare ad un “TG etichettato”?

Certamente SI. L’utilizzo continuo di quel TG e l’impegno che viene dimostrato nell’essere presenti e portare avanti argomenti di comune interesse nell’ambito radioamatoriale, “viene premiato” con una maggiore descrizione e visibilità.
Lo scopo principale di BM è quello di incentivare chi fa traffico e connette dei sistemi per il bene e l’uso comune; lascia anche libertà e autogestione a chi invece desidera creare dei gruppi che fanno poco traffico.
Il ‘premio’ che verrà dato dal Team BM2222 sarà quello di trasformare quel TG “temporaneo” in un TG “etichettato”; chi raggiungerà soglie di traffico importanti, come alcuni gruppi hanno già fatto, potrà ottenere un TG “etichettato” tipo 222xx.

Ed un “TG etichettato” può essere rimosso dal database?

La risposta è SI. Non ha senso avere all’interno di un libro un indice che ci porti a delle pagine vuote. Se il talk group non viene utilizzato per lungo tempo (o nel frattempo si sta utilizzando un altro TG per gli scopi originari), quel  TG viene “liberato” dall’etichettatura della rete DMR, e verrà eliminato anche dalla pagina wiki.

Perché nel servizio Hoseline o sulla dashboard di BM alcuni TG hanno un nome e/o descrizione, mentre altri TG sono anonimi?

Perché, dal momento della loro creazione e al successivo utilizzo, i TG che raggiungono un ottimale volume di traffico (e diventano punto di riferimento per molti radioamatori) vengono “etichettati” per meglio essere identificati e vengono inseriti nella pagina Wiki di BM IT. I TG che non raggiungono un sufficiente volume di traffico rimangono senza una descrizione, e sono da considerarsi come TG “provvisori”.
I TG italiani “etichettati” possono essere visualizzati anche attraverso la pagina TalkGroup di BM, impostando il valore 222 nel campo di ricerca.

E se  chiedo di avere un “TG per le emergenze”?

Tutti i TG possono essere utilizzati “per le emergenze”. Anzi, è meglio utilizzare allo scopo un TG “trafficato” perché avrò la sicurezza di poter essere ascoltato da qualcuno in caso di necessità.
NOTA: Nella chiamata sarà sufficiente dichiarare, come da normali prassi in radio, che si tratta di una comunicazione di emergenza.

Si sente parlare di “DMR puro”, TG multi protocollo; ma cosa sono?

Sono vecchie espressioni del passato, quando ancora il software discriminava tra una comunicazione gestibile in solo protocollo DMR e altre con più protocolli (C4FM, D-Star, etc.). Oggi non è più possibile fare un’affermazione simile, in quanto tutto è (e non è…) multi protocollo; dipende solo da cosa desideriamo collegare ad un flusso dati.
Oggi si entra in QSO dal cellulare e dal PC con applicazioni specifiche, è possibile far dialogare apparati DMR con radio C4FM; si utilizza una transcodifica per comunicare con il mondo D-Star, etc. Il software non pone limitazioni in questo senso, perché l’obiettivo è di parlare con tutti con tutto; la nostra rete DMR non è una rete civile ma resta una rete radioamatoriale sperimentale. Se non ti piace la modulazione di un collega che entra con un sistema radio diverso dal tuo non lo allontanare, ma invece aiutalo a migliorare

Operare oggi su questi TG è difficile e può generarsi confusione?

La confusione avviene se non si rispettano delle semplici regole che i gestori dei sistemi hanno indicato nel tempo, per esperienza e conoscenza tecnica. E’ come guidare un’automobile su di una strada pubblica; se rispettiamo il codice della strada, le norme pratiche e di buon senso, ne avremo tutti solo dei vantaggi. Viceversa, se voglio fare come mi pare, è meglio se mi isolo nei miei flussi e QSO; e nessuno avrà da ridire.

Quindi posso utilizzare l’infrastruttura di BM e i suoi relativi TG registrati per collegare altri sistemi e altri network?

La risposta è NO, in maniera tassativa. Se ti piace l’infrastruttura della rete di BrandMeister e ti fa comodo così com’è, allora continua ad utilizzarla. Se vuoi utilizzare invece i tuoi sistemi, i tuoi server e le tue modalità operative, nessuno te lo vieta; ma non ci saranno punti in comunione con la rete DMR di BM. Fino a quando collego alla rete BM un dispositivo per un uso personale o ristretto al mio ambito, non ci saranno limitazioni in assenza di disturbi. Diversamente, se voglio ricreare infrastrutture di rete e/o replicare quello che già il Master BM mette a disposizione (salvo accordi particolari e motivati), questo non mi sarà permesso. 

I ripetitori DMR hanno due Time Slot; sono obbligato, sulla rete BrandMeister, a seguire delle impostazioni dei TG per la configurazione del mio ripetitore?

La risposta è NO. Ogni responsabile di un ripetitore (sysop) può gestire in proprio la sua configurazione. Generalmente viene sempre fatta molta attenzione all’area geografica di utilizzo e alle prassi comuni della zona in cui viene utilizzato. Chi attiva un ripetitore lo fa affinché tutti gli utilizzatori ne possano trarre beneficio; questo anche nella facilità d’uso per una massima fruibilità del sistema.

Per un’armonizzazione nazionale dei TG, sul Time Slot 2 generalmente si configura in statico (sempre attivo) il TG della Regione quale “punto di ritrovo e chiamata”, oppure un TG locale di aggregazione preferito. Il Time Slot 1 viene molto spesso lasciato libero per il traffico di rete in genere, per dare ampia ospitalità ai colleghi senza imposizioni. Ma non vi sono obblighi precisi, solo responsabilità nel gestire un sistema semplice, piacevole e funzionale per tutti.

Fare QSO in DMR dal C4FM utilizzando il Master server BM2222

Scriviamo questo articolo per rendere più semplice la comprensione dell’utilizzo dei sistemi connessi in modalità YSF-Direct/C4FM e DMR sul Master BM2222 e delle loro varie possibilità di utilizzo.

Facciamo un esempio di classica necessità: Assieme ad un gruppo di amici si effettua QSO in C4FM; come si può fare QSO anche con gli altri amici che usano il DMR ?

Lo si può realizzare utilizzando il protocollo YSF Direct che offre la possibilità di collegarsi al Master BM anche in questa modalità, utilizzando la distribuzione Pi-Direct (attualmente in fase sperimentale), così come vengono utilizzati gli hotspot pi-star per il protocollo DMR.
Oggi il Master BM2222 è diventato una risorsa completa, che non richiede la necessità di installare altri sistemi come reflector YSF, XLX o altro.

NOTA: La piattaforma Pi-Direct può essere utilizzata in moltissimi modi (come già avviene con il pi-star), sia come singolo hotspot MMDVM ma anche nella funzionalità di un ripetitore! 

Non sarà più necessario utilizzare il vecchio servizio YSF2DMR degli hotspot pi-star (che oltre ad avere qualche problema di funzionamento, tra l’altro non permette l’uso dei TG a 6 cifre o chiamate verso ID DMR privati a 7 cifre).
Sarà tutto più semplice attraverso l’utilizzo della tabella dei DG-ID del pi-direct, che permette di configurare a proprio piacere ben 99 connessioni con TG DMR BM diversi e connessioni ad hoc verso i reflector desiderati, configurabili a vostro piacimento.
Queste e altre informazioni si potranno approfondire assieme direttamente nel canale Telegram di supporto, indicato di seguito.

Caratteristiche della distribuzione

La piattaforma iniziale richiede pochissime risorse (può funzionare anche su una Raspberry Pi 0 W) e può essere implementata successivamente con ulteriori moduli e servizi supplementari (a cura del sysop), come l’APRS, una dashboard locale, e altro ancora (richiedendo di essere installata su un dispositivo con più risorse hardware, come un Raspberry Pi 3).

Utilizzando la distribuzione Pi-Direct in modalità C4FM, si avrà la possibilità di poter connettere in modo molto semplice e veloce tantissime room C4FM e tutti i TG DMR di BrandMeister, dalla vostra radio C4FM.

Come installare la distribuzione Pi-Direct

La distribuzione funziona regolarmente su tutte le piattaforme Raspberry Pi (versione 0 W, 0 2 W, 3), con scheda MMDVM simplex e duplex. 

Potete trovare i file e tutta la documentazione necessaria, all’interno del cloud. Scaricate l’immagine per il Raspberry Pi e seguite i documenti di installazione e delle successive patch di aggiornamento.

Canale chat di supporto alla distribuzione

Per chiedere ulteriori informazioni ed avere un supporto post installazione, iscrivetevi al canale Telegram del gruppo (Pi-Direct Italia), raggiungibile da questo indirizzo.

La dashboard di controllo delle connessioni 

Per controllare l’avvenuta connessione in modalità YSF-Direct, potete utilizzare la dashboard che trovate a questo link.

Come rimanere aggiornati

Trovate tutte le informazioni all’interno del canale Telegram BM 2222 News, che è il punto di riferimento per rimanere aggiornati su tutte le notizie e novità della rete BrandMeister italiana.

Grazie per la vostra collaborazione e buona sperimentazione!   

’73 dal Team BM2222

Reflector YSF22220 come ingresso C4FM ai TG regionali italiani BM2222

A seguito dei lavori di ottimizzazione dei server connessi alla rete italiana BrandMeister abbiamo scritto questo articolo per rendere più semplice la comprensione  dei sistemi connessi in modalità YSF.

Precedentemente sono stati effettuati molti test e sperimentazioni sul Reflector XLX222, ma alla fine è stato deciso di non proseguire con tale applicativo a causa delle sue limitazioni intrinseche, si è quindi reso necessario sviluppare ulteriormente il collaudatissimo pYSF3 del collega Antonio IU5JAE, che ci ha permesso di arrivare ad ottimi risultati con un funzionamento più semplice e lineare, associato ad una ottima stabilità.

Ora stiamo utilizzando una nuova versione del software pYSF3 con implementazioni di specifiche funzionalità dedicate al nuovo server.

Agli utilizzatori viene ora offerto un solo punto di ingresso: il pYSF3 C4FM Multi Streams Reflector YSF22220 gestito direttamente da BrandMeister Italia.

Avere visione di un unico punto di ingresso con il protocollo YSF/C4FM verso i TG regionali di BrandMeister è per tutti un enorme vantaggio in termini di semplicità: non è più necessario doversi districare tra mille ramificazioni “autogestite”, oggi presenti e domani no, con i più disparati nomi e numeri,  soprattutto senza incorrere in un evidente deterioramento dei flussi dovuti ad inutili salti tra più sistemi.

Chiediamo quindi la vostra comprensione e collaborazione nel rispettare semplici regole per la realizzazione dei bridge, al fine di armonizzare tutto il complesso sistema con le sue numerose componenti.

Per semplificare l’utilizzo dei sistemi lato YSF vi chiediamo di iniziare a migrare i vostri HotSpot e ripetitori sul server YSF22220; l’uso è molto semplice e non richiede più alcuna configurazione dei parametri degli HotSpot Pi-Star.

Il Reflector XLX222 verrà mantenuto ancora attivo per breve tempo, durante il quale vi consigliamo di migrare sul reflector YSF22220.

Come configurare il Reflector YSF22220

Dovete solamente modificare la configurazione del vostro hotspot, per spostarlo sulla room YSF22220, la procedura è molto semplice.

Nella pagina di Configurazione, nel modulo Yaesu System Fusion Config, cercate e selezionate il reflector YSF22220 nel menu a tendina Room YSF di Partenza, e applicate la modifica. Tutto qui.
Se non trovate la room indicata nella lista, effettuate l’aggiornamento dal menu del Pi-Star e ripetete la procedura.

Come utilizzare il Reflector YSF22220

La prima volta che vi connetterete, se non lo avrete mai fatto prima, vi ritroverete connessi per default sulla Room 99, dove verrà utilizzato per il QSO solo il protocollo C4FM.

Se desiderate fare un QSO locale, come su un ponte ripetitore DMR, utilizzate il DG-ID TX 9 per analogia al TG-9 del DMR.

IMPORTANTE: Il DG ID RX della vostra radio dovrà essere SEMPRE rimanere impostato su 00.

Se desiderate spostarvi ad esempio sul Regionale Lombardia dovrete utilizzare il DG-ID TX 21 (per gli altri DG-ID corrispondenti vedere la tabella seguente).

Per lo spostamento e il successivo QSO su un diverso flusso sarà sufficiente impostare il DG-ID TX corrispondente al TG DMR, e premere brevemente il PTT della radio. Questo colpo di PTT non viene propagato in radio, quindi non ci sarà nessun disturbo al QSO.

Quando spegnerete il vostro hotspot, per riaccenderlo la mattina successiva, lo troverete già connesso sulla room che avete utilizzato per ultima (quella della Lombardia, nell’esempio precedente),  in quanto il server si “ricorda” la vostra ultima preferenza di utilizzo del flusso.

Come avrete già capito, questa volta non c’è da effettuare nessuna modifica ai files dell’hotspot Pi-Star.

Trovate ulteriori informazioni specifiche sul sistema, nel seguente paragrafo Funzionalità.

Tabella riepilogativa

Funzionalità del nuovo server YSF22220

  • il cambio di flusso via DG-ID (premendo il PTT) non viene propagato in rete, quindi non disturba;
  • il Reflector si ricorda la tua ultima connessione/flusso e quando accedi ti porta dove eri stato in precedenza, salvo aver impostato un Back To Home (BTH);
  • negli HotSpot (facoltativo) è possibile usare la riga Options=nn (nn = DG-ID) in ysfgateway.ini sezione Network per connettersi di default ad un flusso;
  • è possibile richiedere per un ripetitore il BTH (Back To Home, ovvero il ritorno a casa/default) dopo xx secondi;
  • è possibile usare il DG-ID 09 per parlare “in locale” sul ponte ripetitore senza uscire in rete;
  • i dati della posizione vengono propagati tra le stazioni radio presenti sul server;
  • vengono mostrati tutti i dati del flusso, anche il seriale della radio, per gestire meglio eventuali disturbi;
  • usando il comando Wires-X (bottone X) il sistema risponde con il nome del server ed il numero dei sistemi connessi;
  • usando il DG-ID 99 si entra in una “stanza SOLO C4FM” senza collegamento in esterno via DMR, rimandendo sul reflector;
  • il Reflector mostra la qualità della connessione (verde OK, riga gialla problemi di transito);
  • il Reflector blocca in automatico le trasmissioni che entrano in TIMEOUT per prolungata emissione, per evitare disturbi;
  • il Reflector protegge da colpi di PTT sequenziali ravvicinati per prevenire disturbi;
  • il Reflector mostra la posizione, (se emessa della stazione radio) su mappa OpenStreetMap;
  • si può usare la modalità Voice/Wide (usa tutto lo stream per la voce, nessun dato, per una migliore qualità vocale), e comparirà la scritta VoiceFR sulla dashboard;
  • il Reflector mostra il suffisso DG-ID identificativo del flusso, sulle radio (es. 51/IK5XMK);

 

La dashboard di riferimento

Trovate tutte le informazioni sulle connessioni al server YSF22220, all’interno di questa dashboard.

Come rimanere aggiornati

Trovate tutte le informazioni all’interno del canale Telegram BM 2222 News, che è il punto di riferimento per rimanere aggiornati su tutte le notizie e novità della rete BrandMeister italiana.

Grazie per la vostra collaborazione!    ’73!

La necessità della registrazione DMR e DSTAR

Da alcuni anni i TG regionali funzionano tutti in multi protocollo, ovvero utilizzandoli in ingresso con un determinato protocollo (ad esempio in DMR, C4FM (YSF) si verrà ritrasmessi negli altri protocolli previsti da quel TG (DMR, YSF, D-STAR, NXDN, ecc.).

Da tempo si è potuto notare che molti Radioamatori ancora non si sono aggiornati seguendo le indicazioni per utilizzare correttamente i sistemi radio quando sono connessi in multi protocollo, effettuando le previste registrazioni DMR e D-STAR prima dell’utilizzo di questi flussi.

Per questo motivo, abbiamo deciso di realizzare questa breve guida (che ritroverete facilmente assieme alle altre, utilizzando il menu del nostro sito…) per aiutare chi ancora non l’ha fatto, e per migliorare ulteriormente i nostri QSO sui TG regionali.

Ci auguriamo di potervi ascoltare presto in radio, 73

Lo Staff di dmrbrescia.it

Termine della sperimentazione di Mumble

Si comunica che la sperimentazione con Mumble Server è terminata, a causa di problemi tecnici.

Tutto funziona bene quando il numero di link è nell’ordine di qualche unità, ma purtroppo quando il numero di TalkGroup collegati aumenta, la stabilità del server Mumble diventa molto bassa a causa delle istanze dei codec attive, che servono per trasformare l’audio analogico in AMBE e viceversa.

Purtroppo servono ben due istanze di emulatori AMBE per ogni TalkGroup in bridge, una in TX e una in RX, quindi risulta tecnicamente impossibile accontentare tutte le richieste di collegamenti che pervengono.

73 dal Team BrandMeister Italia

 

Aggiornamento delle modalità di accesso al Cluster Brescia

Attualmente una buona parte dei ripetitori di DMR Brescia sono inquadrati nel Cluster Brescia di BrandMeister, altri operano semplicemente con il TG-222030 statico.

Alla fine del corrente anno elimineremo il Cluster Brescia come entità su BrandMeister e i nostri ripetitori saranno interconnessi semplicemente con il TG-222030 configurato in modalità statica.

Quindi nulla cambia per chi accede da ripetitori non appartenenti al Cluster Brescia, oppure da HotSpot o altro, che da sempre usano il TG-222030.

Chi invece utilizza il TG-88 sui ripetitori facenti parte del Cluster Brescia può già cominciare da subito ad usare il TG-222030 sullo Slot 2, sostituendo nel proprio codeplug il TG-88 con il TG-222030.

Il TG-222030 continuerà a chiamarsi “Cluster Brescia“, e i ripetitori rimarranno sempre quelli attualmente in servizio, con ulteriori aggiunte.

Questa scelta fa parte di un più ampio piano di semplificazione, evoluzione ed ottimizzazione in corso su tutta le rete BrandMeister.

La presenza dei Cluster in generale non viene comunque messa in discussione, quindi continueranno a funzionare nella classica modalità per tutti coloro che desiderano utilizzarli per i propri ripetitori.

Grazie per la vostra collaborazione.

’73 dal Team Cluster Brescia

Aggiornamento: Il Cluster Brescia è già stato eliminato da BrandMeister, quindi la modalità esclusiva di accesso ai soliti ripetitori della nostra rete è solo quella con il TG-222030.

Elenco Ripetitori del Cluster Brescia

01. IR2DM Monte Quarone (*Slot-2 TG-222030)
02. IR2UDK Sant’Onofrio (*Slot-2 TG-222030)
03. IR2UFZ Crystal Palace (*Slot-2 TG-222030)
04. IR2UFG Monte Salena (*Slot-2 TG-222030)
05. IR2UDJ Monte Orfano (*Slot-2 TG-222030)
06. IR2CS Sarnico (*Slot-2 TG-222030)
07. IR2UFX Monte Creò (*Slot-2 TG-222030)
08. IR2CZ Camarozzi (*Slot-2 TG-222030)
09. IR2UCS Monte Campione (*Slot-2 TG-222030)
10. IR2DP Maresana (*Slot-2 TG-222030)
11. IK2ILJ-2 Bergamo (*Slot-2 TG-222030)
12. IK2ILW-1 Milano Cadorna (*Slot-2 TG-222030)
13. IR2UED Valcava (*Slot-2 TG-222030)
14. IR2UFS Benaco (*Slot-2 TG-222030)
15. IR2UFF Montichiari (*Slot-2 TG-222030)
16. IR2UFR Desenzano (*Slot-2 TG-222030)
17. IR4UX Monte Cimone (**Slot-1 TG-222030 Dinamico)
18. IR4AK Ferrara (*Slot-1 TG-222030)
19. IU4MSI-1 Copparo (*Slot-1 TG-222030)
20. IU4MSI-2 Estensi (*Slot-1 TG-222030)
21. T79DMR San Marino (**Slot-1 TG-222030 Dinamico)

* TG-222030 Statico
**  TG-222030 Dinamico

Grazie per la vostra collaborazione.

’73 dal Team Cluster Brescia

 

 

Collaborazione tra BrandMeister e radioid.net

La collaborazione che si è creata tra BrandMeister e radioid.net è sempre più stretta, e grazie a questo incrocio automatico di dati sono stati introdotti dei comodissimi automatismi gestionali; un esempio è l’autenticazione automatica della maggioranza dei nuovi utenti che si registrano, e anche  l’attribuzione automatica dei diritti di Sysop sui ripetitori correttamente registrati sotto il proprio nominativo.

I sistemi vengono continuamente sincronizzati per far si che le informazioni degli utenti su BrandMeister rimangano sempre allineate con la gestione vera e propria degli ID da parte di radioid.net.

Le policy di BrandMeister WW stabiliscono che tutti gli ID utilizzati per connettersi a BM debbano essere registrati su radioid.net, e che il nominativo configurato nel sistema client (Ripetitore, Hotspot o altro) sia esattamente quello registrato, pena il rifiuto della connessione al master server.
Quindi tutti gli ID provvisori 223xxx in teoria non sarebbero più utilizzabili.

Conosciamo bene la situazione del rilascio delle autorizzazioni, e speriamo che la situazione vada normalizzandosi nei prossimi mesi.
Temporaneamente operiamo in deroga per quanto riguarda gli ID provvisori 223xxx.

Abbiamo però notato che ci sono anche alcuni ripetitori connessi con degli ID 222xxx inesistenti; questo è davvero un caso difficile da giustificare!

Come ripiego immediato (in attesa di autorizzazione) c’è la possibilità di utilizzare il proprio ID personale e il proprio nominativo per identificare il ripetitore, lo stesso vale per i ripetitori installati presso la propria abitazione, che non necessitano di autorizzazione.

In ogni caso esortiamo tutti gli utilizzatori di attivarsi quanto prima per sistemare i propri ID in maniera definitiva e non provvisoria; l’attuale assetto anomalo non potrà reggere in questi termini a tempo indefinito, in quanto siamo giustamente soggetti ad una forte pressione da parte del coordinamento BM WW per allinearci alle regole mondiali.

Grazie per la vostra collaborazione!   

’73 dal Team BM2222

Alternative all’uso dei TG censiti e TAC su BrandMeister

Quali sono le alternative a nostra disposizione per usare TG non standard ?

Premesso che fare QSO su TG non censiti, e quindi sconosciuti per la maggior parte dei colleghi, non è una prassi che viene incoraggiata da BrandMeister World Wide, anzi il consiglio è di limitarla il più possibile ai casi di vera necessità, laddove esista una reale esigenza non diversamente risolvibile con l’arco dei TG ordinari a disposizione.

Vi si chiede espressamente di NON utilizzare TG di conversazione casuali, oppure TG a 4, 5 o 6 cifre non censiti, ma se proprio necessario, esclusivamente TG formati come di seguito spiegato.

Se si sta cercando un TG per permettere ad un gruppo di colleghi di poter comunicare regolarmente, senza utilizzare un TG ordinario censito, abbiamo due soluzioni percorribili per decidere il numero da assegnare al TalkGroup, utilizzando una delle due soluzioni di seguito:

1.  ID DMR personale a 7 cifre (222xxxx, 223xxxx)

2. ID di un proprio ripetitore a 6 cifre (222xxx, 223xxx)

Non è necessaria alcuna approvazione da parte di BM, potete utilizzare  il TG così formato immediatamente.

Il vantaggio di queste scelte è che questi TG sono facilmente riconducibili ad un “gestore” a cui fare riferimento, e non numeri a caso senza identità alcuna, appartenenti a “nessuno”.

Queste sono le ovvie operazioni da fare per iniziare a utilizzare il nuovo TalkGroup:

    • Programmare la tua radio aggiungendo il nuovo TG, anche utilizzando il programma CPS (software di programmazione della radio), nominando il contatto come lo ritieni opportuno (operazione effettuabile sia dalla radio che dal CPS), in quanto sarà il nome che verrà visualizzato sul display.
    • Comunicare agli altri corrispondenti il TG da utilizzare, affinché anche loro possano  programmarlo nelle rispettive radio.   Una volta che tutti avranno configurato le proprie radio con lo stesso identico TG, sarà sufficiente utilizzare quel contatto per fare QSO.

Grazie per la vostra collaborazione!    ’73!

Come utilizzare nel modo corretto i TAC italiani su BrandMeister

Purtroppo non si è mai spiegato abbastanza la filosofia, la funzione e l’utilizzo corretto dei TAC, messi a disposizione in tutto il mondo dalla rete DMR BrandMeister.

I TalkGroup TAC sono specificatamente destinati a coloro che desiderano continuare una conversazione provenendo da un altro TalkGroup, sia utilizzando Hotspot che Ripetitori, ma senza effettuare un lungo QSO su questi TG.

Cosa sono i TG TAC e perché sono stati creati nella rete BrandMeister ?

Sono dei TG di supporto che aiutano ad alleviare la congestione nei TG primari a livello nazionale o regionale.    Ovvero sono TG estemporanei, su cui continuare delle brevi conversazioni. 

IMPORTANTE: Come da policy BM WW i TAC non possono essere impostati come TG statici sui ripetitori e su gli hotspot.

I TalkGroup TAC non devono essere utilizzati per iniziare dei QSO.

Un TalkGroup TAC (Talk Around Channel) o Tattico, è un gruppo di conversazione che consente agli utenti di spostarsi, una volta stabilita una chiamata su un TG a livello nazionale (es. TG 222)  o globale (es. TG 91), per continuare brevemente le loro conversazioni e poi magari spostarsi su un TG ordinario. Quindi una sorta di TG Jolly molto comodo da usare per smistare i QSO, senza impattare TG con traffico ordinario.

Quindi evidentemente i TAC sono stati introdotti solo per un utilizzo temporaneo e non per essere utilizzati come un canale abituale e quotidiano, in cui gruppi di radioamatori possono incontrarsi. Se è questo ciò che si desidera fare, sarà opportuno indirizzarsi verso un TG più consono, da potersi utilizzare in forma continuativa, più adatto a creare aggregazione.

Come visualizzare il traffico Last Heard dei 10 TAC italiani ?

Attraverso il Canale Telegram TAC LH, potrete unirvi come utente e visualizzare tutto il traffico che scorre su i 10 TAC italiani.

Perche è stato creato un solo canale globale LH  per tutti i TAC ?

Per sottolineare la funzione estemporanea degli stessi, dandogli appunto minore importanza rispetto ai TG ordinari.

I migliori ’73 dal Team BrandMeister Italia

 

Rigenerazione delle chiavi API di BrandMeister

L’ultimo aggiornamento dei sistemi informatici di BrandMeister richiede la rigenerazione delle chiavi API utilizzate per le vostre applicazioni (hotspot, ripetitori, ecc.); leggete attentamente questo articolo.

Durante il fine settimana, gli amministratori di BrandMeister hanno eseguito un aggiornamento significativo ai server e ai database back-end. Questo aggiornamento ha incluso il rafforzamento della sicurezza della piattaforma; di conseguenza, le chiavi API esistenti sono state invalidate e devono essere rigenerate.

Se attualmente utilizzate le chiavi API nella configurazione BrandMeister (per Pi-Star, OpenSpot, programmazione personalizzata, ecc.), potreste riscontrare un messaggio di errore “401 – Non autorizzato“.

Per risolvere questo problema, seguite le istruzioni fornite in questo articolo per generare le nuove chiavi API.

Ci scusiamo per eventuali disagi che ciò ha potuto causare.

I migliori ’73 dal Team BrandMeister Italia.

Verso una ottimizzazione e semplificazione dei TG e connessioni sul Master BM italiano.

Nel corso degli anni, in primis per agevolare le varie richieste di sperimentazione che i colleghi utilizzatori del sistema ci sottoponevano, e per non scontentare nessuno, sono stati “assegnati” numerosi TG e creato molteplici connessioni verso reflector e server esterni.

Sicuramente tutto questo ha portato ad una notevole evoluzione dei processi e del software tutto, nella sua robustezza ed efficacia. Un plauso agli sviluppatori dei programmi ed ai colleghi che hanno dedicato molto del loro tempo personale nelle prove è doveroso.

Siamo quindi giunti all’apice di una evoluzione che è manifesto di tanta passione e dedizione. Evoluzione che auspichiamo possa proseguire sempre nelle migliori condizioni.

E’ altresì vero che, parallelamente a questa crescita, una enorme varietà di connessioni ed “etichettature” si è presentata inducendo l’utilizzatore finale dei nostri sistemi digitali radioamatoriali a porsi spesso il quesito “perché per arrivare su quel QSO ho più ingressi uguali” o, ancor peggio, “come faccio per parlare con il mio amico? E’ troppo difficile capirci qualcosa …”. 

Questo ci deve portare a delle riflessioni operative, a spostare lo sguardo da una realtà locale ad un sistema comune, esteso e semplice per tutti, ad un processo di semplificazione di tutto un sistema che nella sua grandezza diventa dispersivo.

Il Team di BrandMeister si muoverà quindi verso una attenta analisi di quanto non manutenuto con attenzione, gestito e trafficato (pensiamo a molti TG/Cluster richiesti e quasi mai utilizzati, attivati solo per il desiderio di una dicitura legata ad un posto o associazione), a connessioni ridondanti (room YSF, reflector XLX, room Wires-X, server HBLink, etc.) o non efficaci per un coinvolgimento pluralista delle risorse disponibili. Verrà disattivato/chiuso/liberato ogni elemento che rientrerà nelle ipotesi sopra descritte, con gradualità ma privilegiando la funzionalità e la semplificazione.

A conferma di ciò ricordiamo l’importanza di muoverci sempre più verso l’utilizzo del TG 222 nazionale e dei TG regionali storici (i cosiddetti TG a 5 cifre 222xx), ancora in molte realtà pressoché inutilizzati. Flussi che ospitano le modalità DMR e C4FM. Per il protocollo DSTAR sottolineiamo l’uso del TG 22292, grande possibilità di ritrovo e coinvolgimento sul mondo del multiprotocollo. I TAC, o sistemi “on demand”, pratici ed immediati per tutti i QSO.

I tempi sono maturi per una grossa ridefinizione di un bellissimo sistema, risorsa funzionale, gratuita e a disposizione di tutti. Il nostro network BrandMeister.

Il Talker Alias

Cos’è il Talker Alias ?

Il Talker Alias, molto spesso abbreviato come TA, fa parte dell’insieme di protocolli di classe Inband Data Service dello standard DMR , introdotti nell’anno 2016 da ETSI con la pubblicazione delle specifiche ETSI TS 102 361-2 V2.3.1 (2016-02).

L’Inband Data Service è una modalità di trasmissione particolare, in cui i dati supplementari  da veicolare vengono incorporati nei pacchetti di trasmissione della voce, quindi senza occupare altro spazio, oltre a quello già utilizzato per la trasmissione del flusso audio, rendendo quindi questo servizio di estrema utilità e con “costo zero“.

Lo standard ETSI prevede l’invio di queste stringhe codificate a 7, 8 oppure 16 bit, frammentate da 1 a massimo 4 blocchi, a seconda del numero dei caratteri da trasmettere:

Ecco spiegato perché la stringa non viene immediatamente visualizzata sul display della radio; questo accade perché il terminale deve ricomporre la stringa attendendo di aver ricevuto tutti i blocchi di informazione, quindi più corta sarà la stringa, meno tempo impiegherà ad essere ricomposta e visualizzata.

Allo stesso modo possono venire trasmesse anche le coordinate GPS; mentre viene trasmesso l’audio la radio aggiorna la posizione e la invia con continuità, questa funzione viene definita In Call GPS.

BrandMeister supporta tutte e due le funzionalità, sia il Talker Alias che il In Call GPS.

A cosa serve il Talker Alias ?

La sua utilità consiste nel poter trasmettere dal terminale radio (e non solo) una stringa di caratteri, che viaggia in maniera trasparente sia via RF che via IP, permettendo ai corrispondenti destinatari delle chiamate di gruppo e private di riceverla nei propri terminali, i quali mediante le loro impostazioni locali, potranno scegliere o meno di visualizzarla sul display, scegliendone anche la priorità, rispetto ai dati presenti nella rubrica dei contatti della radio.

L’applicazione più naturale, sia in campo civile che radioamatoriale, è ovviamente quella di identificare in maniera univoca l’identità di chi trasmette in maniera “leggibile, visto che lo standard DMR identifica i terminali con un semplice numero, chiamato Radio ID, che a noi umani dice ben poco.

Nel nostro mondo dei Radioamatori, quali sono le due singole informazioni più importanti per identificarci in maniera univoca e comoda per chi riceve ?

  • Nominativo
  • Nome operatore

L’informazione assolutamente necessaria è il nominativo, il nome operatore invece è estremamente comodo per fare QSO; infatti nei nostri contatti privati memorizzati nella radio, inseriamo abitualmente solo queste due informazioni, che sono brevi, essenziali e indispensabili.

Ecco perché il Talker Alias, se ben utilizzato nei terminali radio compatibili, può tranquillamente sostituire la rubrica dei contatti, quindi di impagabile comodità in quanto i dati si aggiornano dinamicamente.

Perché diciamo che il TA deve essere ben utilizzato? Perché la configurazione accurata di questa informazione deve essere effettuata da chi lo trasmette, includendo solo il nominativo e il nome, il primo completamente in maiuscolo, il secondo solo con l’iniziale maiuscola.

MD380 ToolZ

 

Tutte le altre informazioni (quali il tipo di radio, il QTH, portatile, /M, DMR ID, mobile, op. davanti al nome, indirizzi email ed altre cose di fantasia), non solo non sono rilavanti o ridondanti, ma spesso sono anche incoerenti rispetto alla circostanza del momento, perché non sono solidamente riferite al nominativo, ma bensì ad una condizione solo temporanea, che generalmente varia nel tempo. Voi le inserireste nella vostra lista contatti? 😉

AnyTone D878UV

 

Ormai sono tanti i terminali che supportano la visualizzazione del Talker Alias, quindi vale la pena di uniformarsi tutti per il corretto utilizzo di questa funzione, armonizzando la rete DMR il più possibile, anche per rispetto di chi ci ascolta e visualizza le informazioni sul display della radio.

Hytera

La gestione BrandMeister del Talker Alias

La rete BrandMeister ha due modalità di gestione dell’informazione contenuta nel Talker Alias:

Pass-Thru

    Sconsigliata    

Quando la radio trasmette il Talker Alias, lo stesso transita fino al master server di BM, che successivamente lo invia a tutti i ripetitori Hytera e ai sistemi MMDVM, ma non ai ripetitori Motorola, eliminandolo dai pacchetti dati, garantendo così l’assenza di problemi dovuti alla loro incompatibilità con il protocollo (interruzioni sull’audio di chi riceve).  Questa modalità  non è però mai consigliabile, perché si corre il rischio di trovarsi localmente a transitare inconsapevolmente su un ripetitore Motorola, creando problemi a chi ci ascolta.   Il Talker Alias generato dalla radio ha la priorità su quello generato lato server, quindi transitando da dispositivi compatibili, la rete BrandMeister lo veicolerà in maniera trasparente solo verso i ripetitori che lo possono accettare.

Generazione lato server BM del Talker Alias

    Preferibile    

Quando la radio non trasmette il Talker Alias lo stesso verrà generato automaticamente a livello di rete, o dal master server di BrandMeister, o da una delle applicazioni, tipo SAP, AutoPatch, D-STAR o Gateway YSF.  Questa modalità è quella da preferire sempre, in quando i dispositivi non compatibili non riceveranno mai dalla rete il Talker Alias, e anche trovandosi a transitare da un ripetitore Motorola, non trasmettendolo dalla radio, non ci saranno problemi, contrariamente a quando la radio lo trasmette.

Come viene generato il Talker Alias dal Master Server?

Per generare questa stringa di testo il server utilizza due informazioni in suo possesso:

Nominativo – ricavato dal database degli ID registrati

Nome – testo contenuto nel campo APRS Text, modificabile nella propria area SelfCare

Inserire solo una singola parola, ovvero il proprio nome

 

Nel caso usiate un sistema DVSwitch, nel file di configurazione DVSwitch.ini,  si raccomanda di commentare la linea TalkerAlias = …….. , in questo modo non verrà forzato un TalkerAlias diverso dal vostro, già impostato in SelfCare;

Si raccomanda fortemente di mettere nel campo APRS Text solamente il proprio nome, o solo il primo dei propri nomi, con il primo carattere maiuscolo e il resto minuscolo, quindi una sola parola.   In questo modo tutti i Talker Alias in rete saranno armonizzati, con tutti i grandi vantaggi spiegati.

73 de Tullio IZ2FTR e lo Staff di BM IT

Hot Spot

Per i vostri Hot Spot dovete utilizzare esclusivamente ID a 9 cifre (7+2), ottenuti aggiungendo al vostro ID un SSID di 2 cifre, in sequenza per tutti i vari Hot Spot che gestite.

L’utilizzo degli ID a 9 cifre per gli Hot Spot aumenta la probabilità di non incappare nella protezione Wild-PTT di BrandMeister, che blocca per un ora ogni ID che da più di 3 colpi di PTT in 5 secondi.

Se si usa lo stesso ID per la radio e per l’HotSpot, i colpi di PTT valgono doppio, quindi ne bastano due in 5 secondi per sforare e rimanere bloccati per un ora.

Per tutti i vostri Hot Spot usate sempre il vostro nominativo senza SSID aggiunto, differenziateli solamente incrementando le due cifre dell’SSID finali.

In APRS l’Hot Spot verrà visualizzato come IpzXXX-Hn

Esempio: IK2UIZ-H1 nel caso che le due ultime cifre aggiunte siano 01

Utilizzando questo metodo, ogni HotSpot verrà automaticamnte correlato al nominativo del radioamatore, che potrà quindi configurare in autonomia i propri Hot Spot via Self Care dalla Dashboard di BrandMeister, eliminando anche la necessità di richiedere ID aggiuntivi come in passato, oggi totalmente inutili e scomodi.

Ricordatevi di configurare la vostra password di accesso personale !

Se vi trovate ad avere ripetitori con ID a più di 6 cifre, siete pregati di contattare il Team, per richiedere un ID provvisorio, dichiarando che siete in attesa di autorizzazione dal MISE, ed elencando i ripetitori interessati, al seguente indirizzo e-mail:

bm2222@dmrbrescia.it

73 de Team BM2222

Assegnazione ID provvisori e nuovi criteri per nominativi e ID su BM2222

dello standard BrandMeister, stiamo cercando di far adottare a tutti i Sysop dei ripetitori esclusivamente ID a 6 cifre.

Al momento regna purtroppo la confusione, causata dal fatto che le autorizzazioni tardano anni ad essere rilasciate da parte del MISE, quindi spesso si è costretti ad operare in regime provvisorio, come consentito peraltro dal Ministero, con nominativi “fai da te”, non nello standard IRzXXX e ID a più di sei cifre.

Per i nominativi dei ripetitori si consiglia quindi di adottare l’indicativo del radioamatore responsabile, aggiungendo un trattino più un numero in coda (da 1 a 9).

In questo modo avremmo vari vantaggi:

  • Sarà chiaramente individuato il responsabile, come richiesto dalla legge.
  • Si capirà che si stà operando in regime provvisorio e non definitivo.
  • Si potranno differenziare i vari ripetitori gestiti mediante l’SSID finale.

Esempio:

IZzXXX-n  (QRZ+n)  => IK2UIZ-1

IZ = Suffisso
z = Zona
XXX = Identificativo di 3 lettere
= Trattino separatore tra nominativo e SSID
n = Numero in coda (1, 2, 3, … 9) chiamato anche SSID.

In APRS il ripetitore verrà indicato da BrandMeister come IK2UIZ-R1

I nominativi dei ripetitori, per essere correttamente indirizzati in APRS, devono avere una lunghezza massima di 6 caratteri, più eventale SSID, altrimenti non saranno visualizzati sulla mappa.

Hot Spot

Per gli Hot Spot, di qualunque tipo essi siano, si incoraggia invece l’utilizzo esclusivamente di ID a 9 cifre (7+2), composte dall’ ID del radioamatore + SSID di 2 cifre, in sequenza per i vari Hot Spot che ognuno gestisce.

L’utilizzo degli ID a 9 cifre per gli Hot Spot aumenta la probabilità di non incappare nella protezione Wild-PTT di BrandMeister, che blocca per un ora ogni ID che da più di 3 colpi di PTT in 5 secondi.

Se si usa lo stesso ID per la radio e per l’HotSpot, i colpi di PTT valgono doppio, quindi ne bastano due in 5 secondi per sforare e rimanere bloccati per un ora.

Per tutti i vostri Hot Spot usate sempre il nominativo senza SSID aggiunto, differenziateli solamente incrementando le due cifre appese all’ID.

In APRS l’Hot Spot verrà indicato come IZzXXX-Hn

Esempio: IK2UIZ-H1 nel caso che le due ultime cifre aggiunte siano 01

Utilizzando questo metodo, ogni HotSpot verrà automaticamnte correlato al nominativo del radioamatore, che potrà quindi configurare in autonomia i propri Hot Spot via Self Care dalla Dashboard di BrandMeister.

Se vi trovate ad avere ripetitori con ID a più di 6 cifre, siete pregati quindi di contattare il Team, per richiedere un ID provvisorio, dichiarando che siete in attesa di autorizzazione dal MISE, ed elencando i ripetitori interessati, al seguente indirizzo e-mail:

bm2222@dmrbrescia.it

73 de Team BM2222